Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

CreativitySchool, al via le attività didattiche

CreativitySchool, al via le attività didattiche

CreativitySchool, al via le attività didattiche

Creatività, innovazione e multimedialità in campo scolastico, sono le parole chiave di un progetto che coinvolge attivamente le scuole della Valsugana con uno sguardo attento all'Europa. Dalla sinergia tra l'Istituto Degasperi di Borgo Valsugana e gli Istituti comprensivi di Levico, Strigno e Borgo, è nata una importante collaborazione didattica sostenuta dal GAL del Trentino Orientale e finanziata dalla Fondazione Caritro con un contributo di 15.000 euro.

Il ruolo del GAL nella promozione dell’innovazione
“’CreativitySchool’ – spiega il presidente del GAL, Pierino Caresia - rappresenta un modello didattico dalle caratteristiche innovative, che si prefigge di migliorare le competenze di uno specifico target di studenti, la cosiddetta “Generazione Z”, ossia i ragazzi nati dopo il 2000, già consapevoli delle potenzialità della tecnologia e dotati di un forte spirito di imprenditorialità e di intraprendenza. Si tratta di un percorso didattico che ha raggiunto una continuità pluriennale, consolidatosi proprio nell’Istituto “Alcide Degasperi” a partire dal 2014 con l’iniziativa ‘CreativityLab’. Il GAL Trentino Orientale ha tra gli obiettivi della sua mission facilitare l’innovazione e la creazione di reti all’interno dei territori rurali, puntando anche al miglioramento delle competenze della popolazione locale, soprattutto in chiave professionale. Per questo il Consiglio Direttivo del GAL ha voluto sostenere questa iniziativa, che punta ad innovare concretamente i rapporti tra scuola ed aziende locali. Si tratta di un investimento sul futuro dei giovani del nostro territorio, che il GAL sostiene pienamente operando accanto agli istituti coinvolti e creando al contempo un ponte tra scuola e mondo dell’impresa”.
“È importante sottolineare – precisa il direttore del GAL, Marco Bassetto – che 'CreativitySchool' renderà consapevoli questi studenti del loro futuro nell’attuale contesto economico e lavorativo caratterizzato da grande fluidità, ma nello stesso tempo da molteplici opportunità, dove il successo dipende anche dalle motivazioni personali e dalla capacità di mettersi in gioco. Tale consapevolezza nascerà soprattutto dalla responsabilizzazione personale che verrà richiesta ai ragazzi, attraverso l’affidamento di problemi che riguardano l’area Ricerca e Sviluppo di alcune realtà territoriali, sia private che pubbliche”.

Giovani protagonisti
“Saranno così gli studenti stessi – puntualizza il responsabile del progetto, il professor Costantino Tomasi - a diventare parte attiva della formazione professionalizzante, in quanto saranno loro a proporre le idee e le soluzioni alle aziende o agli enti pubblici coinvolti. CreativitySchool propone infatti modalità di lavoro innovative, che incidono profondamente sull’organizzazione didattico metodologica. Tutte le discipline coinvolte propongono modalità didattiche attive, basate sul learning by doing, sul cooperative learning, sul team working, sul problem solving. Una didattica partecipata, quindi, che offre agli studenti gli spazi adeguati affinché il gruppo di lavoro si possa articolare e arrivare, attraverso un definito processo curricolare, ad un prodotto finale unitario”.

Il progetto nel dettaglio
CreativitySchool permette agli studenti di lavorare su aree e prodotti interdisciplinari che hanno delle ricadute sul territorio. Questo stimolo mira anche a far comprendere agli studenti che il mondo della scuola e quello della comunità a cui appartengono sono due realtà integrate, complementari, interagenti e non separate.  In questo modo, lavorando a più livelli, si contribuisce alla costruzione di una forma mentis che riesce ad affrontare e risolvere problematiche territoriali in un’ottica di collaborazione tra persone, ciascuna con competenze differenti ma con un obiettivo comune: contribuire al processo di innovazione e sviluppo del territorio. L’obiettivo è quello di potenziare il profilo educativo, culturale e professionale dello studente, attraverso un percorso didattico mirato. Innovativo per visione e metodologia, CreativitySchool nasce dall’esigenza di provare a trovare strategie e modi per tradurre nella prassi scolastica alcune delle più significative raccomandazioni che l’Europa e l’Agenda ONU 2030 pongono all’attenzione delle istituzioni in relazione alle tematiche dell’educazione e della formazione, evidenziandone la strategicità in chiave di promozione dello sviluppo sostenibile. In questo modo si integrano le competenze curricolari, definite a livello nazionale, con specifiche competenze tecnico-professionali e trasversali, pienamente spendibili sul mercato del lavoro in collaborazione con le aziende del territorio.

La didattica
Intende valorizzare le vocazioni, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali degli studenti per accrescere la motivazione allo studio; ottimizzare l’orientamento nelle scelte future di studio e di lavoro; fornire valore aggiunto alla formazione della persona. Il progetto si suddivide in due proposte didattiche: Laboratori didattici e Concorso didattico interdisciplinare. Il progetto ha preso avvio nel novembre 2018 e si completerà nel settembre 2019.
 



Pubblicato il 27/12/2018.

Come associarsi al GAL Trentino Orientale

Il GAL Trentino Orientale è un’Associazione che opera coinvolgendo gli attori chiave del territorio